Vai al contenuto
Home » Blog » Massimizza l’efficienza del tuo magazzino: il ruolo dell’indice di rotazione

Massimizza l’efficienza del tuo magazzino: il ruolo dell’indice di rotazione

Nel mondo dell’automazione logistica, dove l’efficienza è la chiave del successo, l’indice di rotazione del magazzino fornisce informazioni utili per comprendere l’andamento relativo alla gestione dei flussi dei prodotti e all’andamento delle risorse presenti. Grazie a questo indice infatti è possibile elaborare le strategie di gestione dello stock e conoscere il valore delle merci conservate in magazzino.

In questo articolo:

Cos'è l'indice di rotazione del magazzino?

L’indice di rotazione del magazzino indica il numero di volte in cui le scorte di un determinato prodotto vengono rinnovate all’interno del magazzino in un arco di tempo ben definito (un anno, un mese, un quadrimestre ecc.). Si tratta di un indicatore importante per calcolare il tempo necessario affinché i mezzi finanziari investiti nelle merci vengano recuperati.

Per calcolare il valore legato all’indice di rotazione magazzino è necessario dividere la quantità totale venduta (a prezzo di costo) in un determinato periodo (un anno ad esempio) per la giacenza media dello stesso periodo:

Indice di rotazione di magazzino = Valore Vendite / Giacenza media

Partendo da questa considerazione è possibile distinguere le merci in due grandi categorie:

  1. Prodotti ad alta rotazione: questi prodotti solitamente indicano che si sta realizzando una gestione efficiente, perché il capitale, rappresentato dalle merci immobili sugli scaffali, si muove con frequenza e apporta benefici.
  2. Prodotti a bassa rotazione: in questi casi si hanno prodotti fermi in magazzino e questo input si può tradurre come un segnale di una gestione delle scorte poco efficiente. Bassi indici di rotazione del magazzino possono essere un segno che l’azienda non ha saputo cogliere le opportunità offerte dalle ultime tendenze o da innovazioni tecnologiche, che sta affrontando una situazione di mercato difficile come ad esempio una forte concorrenza.

Benefici di una corretta analisi dell’indice di Rotazione

  1. Ottimizzazione delle scorte di magazzino: un alto indice di rotazione di magazzino indica che le scorte non rimangono in magazzino per lunghi periodi di tempo, riducendo così il rischio di obsolescenza e deterioramento. Ciò consente alle aziende di ottimizzare le proprie scorte, riducendo al minimo i costi legati all’immagazzinamento e ai possibili sprechi. I prodotti che non hanno grandi rotazioni,rischiano di diventare un costo inutile anziché un investimento. L’eccesso di stock infatti occupa spazio in magazzino togliendolo ad altra merce più richiesta.
  2. Migliore servizio clienti e riduzione delle rotture di stock: una rotazione efficiente del magazzino significa anche che i prodotti sono disponibili quando vengono richiesti dal mercato senza inciampare in rotture di stock. Ciò si traduce in una maggiore soddisfazione del cliente finale e in relazioni più solide, essenziali per il successo a lungo termine di un’azienda.
  3. Identificazione di tendenze di mercato: monitorando attentamente l’indice di rotazione del magazzino, le aziende possono identificare rapidamente le tendenze di mercato e adattare di conseguenza la propria strategia di approvvigionamento e vendita. Ciò consente loro di rimanere competitivi in un mercato in continua evoluzione.
  4. Ottimizzazione delle scorte di magazzino:un alto indice di rotazione indica che le scorte non rimangono in magazzino per lunghi periodi di tempo, riducendo così il rischio di obsolescenza e deterioramento. Ciò consente alle aziende di ottimizzare le proprie scorte, riducendo al minimo i costi legati all’immagazzinamento e ai possibili sprechi. I prodotti che non hanno grandi rotazioni,rischiano di diventare un costo inutile anziché un investimento. L’eccesso di stock infatti occupa spazio in magazzino togliendolo ad altra merce più richiesta.
  5. Migliore servizio clienti e riduzione delle rotture di stock: una rotazione efficiente del magazzino significa anche che i prodotti sono disponibili quando vengono richiesti dal mercato senza inciampare in rotture di stock. Ciò si traduce in una maggiore soddisfazione del cliente finale e in relazioni più solide, essenziali per il successo a lungo termine di un’azienda.
  6. Identificazione di tendenze di mercato: monitorando attentamente l’indice di rotazione del magazzino, le aziende possono identificare rapidamente le tendenze di mercato e adattare di conseguenza la propria strategia di approvvigionamento e vendita. Ciò consente loro di rimanere competitivi in un mercato in continua evoluzione.

Indice di rotazione e scelte di layout di magazzino

L’indice di rotazione può incidere sulla scelta di pianificazione del layout del magazzino, sulla disposizione della merce e delle scorte al suo interno oltre che sugli accordi con i fornitori e sulla valutazione di ipotetiche operazioni di revamping. Le modifiche al layout di magazzino come conseguenza può essere valutato per diversi scopi:

  • Preparazione più rapida degli ordini;
  • Tempi di consegna ridotti;
  • Ottimizzazione degli spazi del magazzino;
  • Organizzazione dello spazio utile destinato alle  giacenze.

Considerare l’indice di rotazione potrebbe essere utile per giustificare un revamping di determinate aree dell’impianto, magari per velocizzare la preparazione degli ordini e migliorare i tempi di consegna per esempio per riuscire a liberare gli spazi nel magazzino. Nel nostro articolo “Ottimizza lo stoccaggio magazzino: programma di revamping” abbiamo illustrato le strategie di “revamping” dello stoccaggio magazzino che possono trasformare radicalmente il modo in cui vengono gestiti i propri magazzini.

Fattori da considerare quando si fissano gli indici di rotazione di magazzino

  • Natura delle materie prime: il numero e la natura dei componenti dei prodotti hanno un ruolo importante nella determinazione dei livelli di stock. La stagionalità deve essere presa in considerazione anche in rapporto alle scorte di magazzino, soprattutto in caso di materiale con scadenze brevi. Nel caso un materiale resti in giacenza alla fine di un periodo di alta stagione e non venga utilizzato, scadendo prima della prossima produzione, esso rimarrà come valore di magazzino, risultando comunque in giacenza fino allo smaltimento. I materiali scaduti concorrono ad alzare il valore delle giacenze di magazzino mese dopo mese. Se il prodotto ha una lunga durata di conservazione, sarà possibile utilizzare un indice di rotazione del magazzino più basso rispetto al caso di un prodotto deperibile che deve essere venduto velocemente. Ad esempio, se operi nel settore alimentare come la gdo, i prodotti freschi devono essere venduti interamente entro qualche giorno dal momento in cui sono stati raccolti. Al contrario, i cibi in scatola possono rimanere sugli scaffali per mesi prima di essere acquistati senza che ciò costituisca un problema. Per un maggior approfondimento sul settore gdo rimandiamo alle soluzioni logistiche per la grande distribuzione.
  • Dimensioni del tuo magazzino: più ampio è il tuo magazzino rispetto ai volumi di vendita, maggiore è la flessibilità nella definizione degli indici di rotazione del magazzino. È necessario trovare un equilibrio tra la disponibilità dei prodotti e i costi associati alla loro conservazione. Le aziende ovviamente conoscono i loro bisogni ed organizzano gli spazi e le attrezzature di stoccaggio al meglio. Ma il mercato cambia e le aziende non sempre riescono a modificare le loro strutture in tempo.
  • Intervallo tra approvvigionamento e vendita: infine, tieni conto del tempo che trascorre tra il momento in cui acquisti la merce per il magazzino e quello in cui viene venduta. Più lunga è la giacenza, più tempo hai a disposizione per vendere le scorte prima che si avvicinino all’obsolescenza e sia quindi necessario venderle a prezzo scontato.

Conclusioni

Interpretare correttamente l‘indice di rotazione del magazzino richiede la considerazione di diversi fattori. Utilizzare queste informazioni per ottimizzare l’organizzazione operativa dello stoccaggio, la pianificazione degli spazi, gli accordi con i fornitori e la gestione degli approvvigionamenti può portare a una maggiore efficienza e a una migliore performance complessiva dell’azienda. Affidati a Errevi Automation e grazie alle nostre soluzioni per magazzini automatici insieme valuteremo come gestire al meglio l’automazione logistica per la movimentazione degli articoli e quale sia il layout di magazzino più performante per i tuoi obiettivi!

Scopri come migliorare l'efficienza del tuo magazzino!

Esplora altri articoli nel nostro Blog